Un viaggio d’amore attraverso la Francia di Luigi XIV

Adoro i romanzi storici, soprattutto quelli ambientati nella Francia tra il 1600 e il 1700, il periodo più coinvolgente ed accattivante di questa nazione.
Ed altrettanto coinvolgente ed accattivante è la storia di cui a breve andrò a parlarvi.

Vorrei, prima di tutto, puntualizzare un mio pensiero: non amo particolarmente quei romanzi che pur di inseguire la storia e i personaggi, si discostano totalmente dall’ambientazione in cui vengono raccontati, andando a deformare quella che è la realtà che deve comunque essere rispettata. Questo è stato uno dei motivi per cui ho atteso molto, cercando il tempo e la concentrazione giusta, prima di leggere i lavori di Marta Savarino. E questo è anche uno dei motivi, che mi ha spinto a leggere non soltanto il primo romanzo, bensì anche il suo seguito. Una nota di apprezzamento, prima di farvi una breve descrizione del romanzo, va a Marta che, grazie alla passione che nutre per la Francia, è riuscita abilmente a destreggiarsi, senza fatica ne sforzi, nel descrivere e allo stesso tempo romanzare quella Parigi tanto amata, senza tradire la realtà di quell’epoca.

Vue_à_vol_d’oiseau_des_jardins_de_Versailles

Tutto parte dall’ottobre del 1660. Parigi è in festa, in occasione del matrimonio del suo Re, Luigi XIV, con Maria Teresa d’Asburgo. Ci troviamo nella grande sala da ballo del Palazzo del Louvre, prima che il Re decida di trasferirsi successivamente a Versailles, luogo in cui si articolerà tutta la storia, dove si sta svolgendo una grande festa in onore dei novelli sposi, accompagnata da musiche e balli. Luigi è seduto sul trono, accanto a sua madre, osserva la sua sposa con fare indifferente, mentre con la mente torna alla donna amata e che anni prima gli ha rubato il cuore. Si allontana dalla festa, e con angoscia percorre i corridoi del palazzo senza una meta. E’ proprio lì che nell’ombra delle grandi stanze si imbatte in Jacqueline, la figlia quindicenne del suo devoto cameriere. Luigi avanza verso di lei, che non nasconde l’imbarazzo e l’insicurezza verso l’uomo che si trova davanti, non riconoscendo in lui il suo sovrano. Con il pensiero di Maria, la giovane italiana che ancora occupa un posto importante nel suo cuore, Luigi, rabbioso e con la mente ancora offuscata si scaglia contro la giovane. Il Re Sole abusa di lei,mentre la ragazza, ormai quasi priva di sensi, cede alla sua forza senza via di scampo. Da quella notte la sua vita cambierà, e inizierà la vera storia. Jacqueline partorirà un figlio, Jacques, protagonista maschile de “LA VENDETTA DI ISABELLE”, eroina attorno alla quale si svolge la trama.

51lgk2TErAL

Isabelle appartiene ad una delle famiglie più importanti di Marsiglia e più in vista della Francia, non ben voluta da Luigi XIV che nutre nei suoi confronti invidia per i possedimenti e i beni. I suoi genitori, i fratelli e il suo promesso sposo, vengono tragicamente e brutalmente uccisi in una notte del 1691, per mani del Re mosso dalla sua incessante sete di potere, con l’accusa di tradimento alla Corona. Ma il il motivo è ben altro, e Isabelle dal primo istante ne ha la consapevolezza.Lei sopravvive, ed è da quella notte che nell’animo della giovane donna si accende la fiamma dell’odio e la sete di vendetta nei confronti del Sovrano. Decisa a partire per un lungo viaggio, alla volta di Parigi, inizia la sua avventura sola, accompagnata da un cavallo e da pochi effetti personali. Incontra momenti di solitudine in cui pensa ai ricordi sfiorando la catenina regalata dai suoi fratelli più piccoli in occasione dell’imminente matrimonio, alla sua famiglia, facendo crescere ancor di più in lei, la rabbia che la contraddistinguerà in tutta la storia. Una prova inaspettata farà emergere timori e paure in Isabelle di non potercela fare, quando una volta userà tutte le sue forze pur di scappare ad un gruppo di uomini che la assale e che non ha di certo buone intenzioni. E’ proprio in quel momento che la sua vita vivrà una svolta. Un giovane uomo correrà in suo soccorso. E’ Jacques e sta viaggiando anche lui alla volta della capitale francese. Dal primo istante in cui incrocerà il suo sguardo capirà che in quella donna c’è qualcosa di misterioso, qualcosa che vale la pensa scoprire. Si offre di farle compagnia durante il viaggio, contrariamente a quanto vorrebbe Isabelle, che alla fine deve cedere alle sue attenzioni. Sono attratti l’uno dall’altro, ne sono consapevoli anche se il loro pensiero è diretto in tutt’altra direzione. Una notte, sostando in una locanda per rifocillarsi, Jacques diventa il custode del grande segreto di Isabelle che gli racconterà la sua storia. Lui la ascolterà, e quando lei gli confesserà cosa l’ha spinta ad affrontare quel lungo viaggio da Marsiglia, ma soprattutto lo metterà al corrente delle sue intenzioni una volta arrivata a Parigi, non avrà il coraggio di svelare la sua vera identità. Jacques è il Conte di Portchaitain, il figlio illegittimo del Re di Francia. Ribelle e poco incline agli schemi e alla rigide regole di Corte, Jacques detesta la propria condizione sociale, e non può far altro che scappare da quel mondo tanto diverso da lui, e allontanarsi ogni volta che può. La notte seguente, i due giovani, ancora acerbi ed ignari dell’amore che provano, si incontrano lasciandosi andare una nelle braccia dell’altro, vivendo una notte che resterà impressa a lungo, per poi separarsi definitivamente il giorno seguente. Sanno che non si rivedranno più, sanno che le loro strade si dividono una volta per tutte. Isabelle troverà ospitalità presso la famiglia Arnaud, lavorando come cameriera nella locanda di loro proprietà. Si confonderà tra il popolo parigino, e mediterà sul piano di assassinare il Re di Francia. Stringe una forte amicizia con Jeanne, figlia degli Arnaud, una ragazza semplice, solare, che diventerà presto la confidente preziosa e l’amica fidata che l’aiuterà a portare a termine il suo folle piano. Nel frattempo, un’altro folle piano sta invadendo la vita di Jacques che, diversamente dalle sue intenzioni, rientra a Corte, dove deve sottostare all’ira del suo padre naturale e al pazzesco progetto politico che ha in serbo per lui. A questo punto, entra nella storia, un altro personaggio, il Maresciallo Nicolas de Catinat, fedele servitore della Corona, coinvolto nell’idea di Luigi XIV di conquistare il Regno di Spagna. Ben presto si renderà conto delle reali intenzioni del suo Sovrano e troverà, dopo anni di servizio, il coraggio di ribellarsi e diventare complice di Jacques con cui ha avuto sempre un rapporto burrascoso. Le vite di Isabelle e Jacques, poi quelle di Jeanne e Nicolas, così diverse, ma più simili di quanto crediate, si incontrano e si incrociano, dando il via a quella che, senza dubbio, posso considerare una storia ricca di colpi di scena, accompagnata dalla smania di stare insieme e combattere per i propri ideali e la propria libertà, in un destino che sembra per loro scritto fin dal primo incontro.

Vi farete coinvolgere dai dialoghi, dalle descrizioni minuziose che scoprirete passo dopo passo tra le pagine di questo romanzo. Mi sono lasciata stuzzicare dal lavoro di Marta Savarino, dal suo modo di raccontare che non lascia nulla al caso, e che trovo perfettamente calzante e in  sintonia con il mio modo di scrivere e di intendere la scrittura. In fin dei conti si tratta di una storia d’amore, e come tutte le storie d’amore anch’essa è tormentata, appassionante e capace di trasportare il lettore nella dimensione dei personaggi che sembrano quasi prendere vita. Due storie di vita che hanno un seguito nel romanzo “LA PROMESSA DI JEANNE”, della stessa autrice, ambientato tra la Scozia e la Francia del XVII secolo.

61q7floPpZL

Quel segreto che Jeanne e Nicolas custodiranno a rischio della propria vita e di quella della loro famiglia. Una storia fatta ancora una volta di insidie, intrighi, tradimenti, gelosie, pazzia ma soprattutto amore. Quell’amore che non scandalizza nei momenti più intimi, in quei momenti in cui i personaggi si lasciano andare come tutti gli uomini e le donne dei tempi che furono trovandosi al passo con i sentimenti che anche nella società attuale  non sono andati perduti. Alla fine i nostri personaggi si ritroveranno di nuovo insieme, uniti più che mai, uniti da un segreto e vincitori di una guerra che finalmente segnerà la fine dei loro turbamenti, e consentirà loro di respirare quell’aria pulita che per anni hanno desiderato e di scrivere un nuovo capitolo della loro esistenza.

Rispondi