LA CATTIVA REPUTAZIONE È TEMPORANEA, LA CELEBRITÀ È INCOSTANTE,   MA IL SANGUE BLU… IL SANGUE BLU È PER SEMPRE.

Trama:

Nicholas Arthur Frederick Edward Pembrook, principe di Wessco, detto “Sua Bollente Altezza”, è un uomo affascinante e sfacciatamente arrogante. Come biasimarlo: è difficile essere modesti quando tutti si sperticano in continue genuflessioni al tuo passaggio. Ma, in una gelida notte a Manhattan, il principe incontra una ragazza bellissima dai capelli scuri che non si inchina davanti a lui. Anzi, gli lancia addirittura una torta in faccia… Uscire con un principe non è proprio tra le cose che la giovane cameriera Olivia Hammond si aspettava potessero accaderle. Le smorfie di disprezzo sul volto della regina madre, l’accanimento dei paparazzi e il diffondersi a macchia d’olio di gossip di ogni tipo sgomenterebbero chiunque. Ma agli occhi di Olivia, Nicholas, tolta la corona, è un uomo affascinante, uno per cui vale la pena lottare. Nicholas dovrà decidere se piegarsi alle convenzioni e diventare il re che la sua famiglia si aspetta che sia, o restare l’uomo che sente di essere e amare Olivia per sempre…

La Recensione di Lidia:

Emma Chase, ancora una volta, non delude le mie aspettative. Con il primo capitolo di questa serie conosciamo la storia di un principe, uno di quelli veri. Ragazzo impertinente dal cuore tenero, Nicholas è il prototipo del “bello e impossibile”. Mi sono lasciata incantare dai suoi pensieri, spesso polemici, ma profondamente veritieri. Dal primo capitolo, il suo personaggio cattura e lascia intendere che l’intero romanzo sarà una graziosa scoperta che vi terrà con il fiato sospeso, in tutti i sensi.

La storia parte dal piccolo stato di Wessco per poi ambientarsi a New York.  L’idea di collocare il romanzo in un luogo immaginario – il primo – è stato originale, e io che sono un’eterna sognatrice sono riuscita a immaginare questo piccolo regno, raccolto e intimo, il castello e tutti gli elementi descrittivi che hanno aiutato nella lettura. Prima di partire, Nicholas ha un incontro con sua nonna che lo spedisce nella città della Grande Mela per recuperare, letteralmente, suo fratello minore Henry che ne sta combinando un’altra delle sue. Henry è dissoluto e poco virtuoso e sta mettendo il trono in cattiva luce, soprattuto in un periodo in cui i rapporti con la politica stanno diventando delicati. La regina madre fa una proposta al giovane principe, e Nicholas che risponde alla nonna in maniera tutt’altro che positiva, non può credere alle sue orecchie. C’è solo una cosa che potrà riportare la corona a risplendere come una volta. Uno degli eventi più importanti per una famiglia reale: un matrimonio, e Nicholas che è il primo in linea di successione, perché i suoi genitori sono scomparsi in un disastro aereo, deve soccombere ai piani dell’unica persona sulla faccia della terra a cui debba dire costantemente “si“. 

 

Parte alla volta degli Stati Uniti con Simon, il suo migliore amico, e una sera durante una tempesta di neve, si rifugerà in una caffetteria, un posto tranquillo dove incontrerà una ragazza, la protagonista dal bel caratterino – come lo definisco io – che improvvisamente metterà ko tutte le sue sicurezze. Olivia, detta Liv, è una newyorkese doc. Gestisce la caffetteria di famiglia e vive con suo padre e sua sorella più piccola. Anche lei sembra  condividere lo stesso destino di Nicholas. Sua madre è stata aggredita in una stazione della metropolitana ed è morta. Da allora, Olivia cerca, con tutte le sue possibilità, di mandare avanti l’attività aperta dalla madre, perché è l’unica cosa che continuerebbe a tenere in vita il suo ricordo, soprattutto per suo padre che ha problemi di alcool.  Olivia ne eredita la passione e la sua specialità è la preparazione di torte. Proprio una sera, Nicholas si ritroverà nella sua caffetteria per caso, ma il loro incontro non va alla grande. Nicholas è ubriaco e per quanto Simon cerchi disperatamente di mettere a tacere le sue continue figuracce, il Principe fa una caduta di stile di quelle che avrebbero fatto incavolare chiunque. Le offre dei soldi per portarsela a letto e Olivia che non sa chi lui sia, e non sopporta la sua sfacciataggine, risponderà a quell’uomo spavaldo e dalla voce morbida come il velluto, con una bella torta in faccia. Ma Nicholas ha suscitato in Olivia una certa curiosità e lei ammette a se stessa di essere stata provocata, ma di aver provato anche una certa sensazione di euforia nelle parole pronunciate da quella bocca a cui non riesce a smettere di pensare. Dopo qualche giorno, scoprirà la sua vera identità e tra i due inizierà una relazione in cui la “libertà” sarà la preda più ambita.

Olivia capisce ben presto  che in fin dei conti anche Nicholas, come lei, si nasconde dietro una corazza. Si ritrovano a parlare delle loro vite come se fosse la cosa più naturale del mondo, come se lo avessero sempre fatto e come se ognuno di loro rappresentasse per l’altro l’unica valvola di sfogo. Sembra che al mondo solo Olivia possa capire Nicholas e viceversa.

Sono sincera, quando mi è capitato tra le mani questo romanzo, prima di leggere le critiche e le opinioni non solo dei vari blog italiani, ma anche di quelli oltreoceano, ho sperato di non ritrovarmi a leggere la solita storiella della “Cenerentola in cerca del principe azzurro”, come quella che spesso si vede in tanti film. Questo romanzo è tutt’altro che questo. Molti lo hanno definito un cliché, io la penso diversamente. È un mix di scene di vita che sembrano irreali, ma che credo esistano davvero, lì da qualche parte nel mondo. Raccontare una storia del genere è un po’ come un’arma a doppio taglio ben affilata – la stessa scrittrice lo ha dichiarato nei ringraziamenti – per cui, o si è totalmente banali o si riesce a scrivere una storia favolosa. I personaggi sono stati creati in maniera perfetta e ho scoperto, con stupore, la bravura di Emma Chase nell’immedesimarsi nel ruolo maschile. In vita mia è accaduto poche volte. Leggere il pov di Nicholas è stato quanto di più coinvolgente potessi aspettarmi da un personaggio maschile. Si descrive in maniera impeccabile e lascia intendere al lettore tutte quelle che sono le sfaccettature del suo personaggio. I dialoghi sono impostati alla perfezione e scorrono senza problemi. Così come i monologhi che permettono di capire al 100% il suo punto di vista. Stessa cosa accade per  Olivia, personaggio femminile che è tutto fuorché una classica Cenerentola. È una ragazza in difficoltà che però non chiede aiuto a nessuno perché vuole farcela da sola. Il suo orgoglio a volte fa quasi timore e spinge a fare un passo indietro. Ovviamente indovinate chi sarà l’unico a smorzare questo suo bel caratterino? Il nostro principe che, quando si ritrova al suo fianco, mette da parte la corona e torna a essere un uomo normale.

I personaggi sono realistici e permettono al lettore di divorare letteralmente la loro storia. Le scene – anche quelle più forti – sono un mix perfetto di sensualità e di esternazione di un sentimento che arriva subito, ma che i personaggi tengono a bada per non illudersi. Perché è proprio questo che tiene con il fiato sospeso: riusciranno i nostri personaggi a coronare il loro sogno d’amore oppure no? Leggete e lo scoprirete.

Condivido la critica del Washington Post: «Poche scrittrici sanno rendere realistici i personaggi maschili come Emma Chase».

Amore Reale è il primo capitolo della Royal Series. La pubblicazione di Incontro Reale è prevista per l’8 febbraio e non vedo l’ora di leggerlo. Sempre edito dalla Newton Compton,  il secondo capitolo della serie racconterà la storia di Henry, fratello minore di Nicholas che incontriamo a metà del romanzo e che mi ha incuriosito davvero moltissimo.

Aspetto i vostri commenti se avete letto il romanzo di Emma Chase e vi aspetto per la prossima recensione.

SCHEDA

Titolo: AMORE REALE
Autore: EMMA CHASE
Serie: ROYAL SERIES ( VOL.1)
Editore: NEWTON COMPTON
Data: 22 giugno 2017
Genere: CONTEMPORARY ROMANCE
Prezzo: Copertina Rigida 8,50€ Ebook 5,99€

IL VOTO DI LIDIA: BELLISSIMO

 

Rispondi